Addestramento al volo con i droni

Addestramento al volo con i droni

Addestramento al volo con i droni

Conferito alla Polizia di Stato il premio “Roma Drone Awards 2018” per aver utilizzato i droni in occasione di importanti vertici internazionali e grandi eventi di spettacolo a supporto dei controlli anti-terrorismo. Il premio è stato ritirato dal direttore del Servizio controllo del territorio Maurizio Vallone, in occasione della conferenza inaugurale di Roma Drone Campus 2018 che si è svolta a Roma presso il Dipartimento di ingegneria dell'Università Roma Tre. La Polizia di Stato ha iniziato a sperimentare l’utilizzo dei droni nel 2017 testando la loro capacità di dare una visione d’insieme negli interventi operativi, di controllo del territorio e in occasione di eventi e manifestazioni. Il primo banco di prova è stato il Festival di San Remo che si è tenuto a febbraio in un contesto cittadino, per poi proseguire con l’utilizzo in situazioni operative come i posti di controlli lungo le vie di accesso ad una città e in occasione dei diversi appuntamenti del G7. Sempre nel 2017 un altro evento inconsueto che ha messo alla prova i droni, è stato il concerto di Vasco Rossi che si è svolto in un parco pubblico con oltre 250 mila persone. La sperimentazione ha evidenziato, se pur con alcune criticità, le grandi potenzialità dei sistemi a controllo remoto tanto che sono stati avviati dei progetti per un futuro utilizzo.Nel frattempo sono stati formati alcuni piloti che fanno parte di uffici e reparti specialistici come il Servizio controllo del territorio, il Servizio polizia scientifica e il Servizio centrale operativo nonché il Reparto prevenzione crimine, la polizia stradale, Ferroviaria e il Settore aereo. Poliziamoderna, la rivista ufficiale della Polizia di Stato, nella pubblicazione di gennaio 2018 ha affrontato il tema dell’utilizzo dei droni nell’articolo “I nuovi pionieri dell’aria”.

Pubblicato da Polizia di Stato su sabato 24 febbraio 2018

 

Conferito alla Polizia di Stato il premio “Roma Drone Awards 2018” per aver utilizzato i droni in occasione di importanti vertici internazionali e grandi eventi di spettacolo a supporto dei controlli anti-terrorismo.
Il premio è stato ritirato dal direttore del Servizio controllo del territorio Maurizio Vallone, in occasione della conferenza inaugurale di Roma Drone Campus 2018 che si è svolta a Roma presso il Dipartimento di ingegneria dell’Università Roma Tre.
La Polizia di Stato ha iniziato a sperimentare l’utilizzo dei droni nel 2017 testando la loro capacità di dare una visione d’insieme negli interventi operativi, di controllo del territorio e in occasione di eventi e manifestazioni. Il primo banco di prova è stato il Festival di San Remo che si è tenuto a febbraio in un contesto cittadino, per poi proseguire con l’utilizzo in situazioni operative come i posti di controlli lungo le vie di accesso ad una città e in occasione dei diversi appuntamenti del G7. Sempre nel 2017 un altro evento inconsueto che ha messo alla prova i droni, è stato il concerto di Vasco Rossi che si è svolto in un parco pubblico con oltre 250 mila persone.
La sperimentazione ha evidenziato, se pur con alcune criticità, le grandi potenzialità dei sistemi a controllo remoto tanto che sono stati avviati dei progetti per un futuro utilizzo.
Nel frattempo sono stati formati alcuni piloti che fanno parte di uffici e reparti specialistici come il Servizio controllo del territorio, il Servizio polizia scientifica e il Servizio centrale operativo nonché il Reparto prevenzione crimine, la polizia stradale, Ferroviaria e il Settore aereo.
Poliziamoderna, la rivista ufficiale della Polizia di Stato, nella pubblicazione di gennaio 2018 ha affrontato il tema dell’utilizzo dei droni nell’articolo “I nuovi pionieri dell’aria”.

 

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0